Ultime notizie
Home ---> Curiosità e spigolature di Bracciano e dintorni

Curiosità e spigolature di Bracciano e dintorni

IL FANTASMA DEL CASTELLO

bracciano.jpgIl Castello di Bracciano fu adornato a festa, nel lontano 1556, per le nozze tra la bella Isabella de’ Medici, figlia di Cosimo I, e il duca Paolo Giordano Orsini, comandante dell’esercito veneziano, che qualche anno più tardi avrebbe partecipato alla battaglia di Lepanto, rimanendovi ferito. Nel castello si conservano ancora i busti in marmo dei due sposi, opera del Bernini. Il matrimonio, però, si rivelò ben presto sfortunato, soprattutto per il caratteraccio del duca, violento e passionale. Lasciava spesso sola la moglie, che si lamentava di non essere “né di ghiaccio né di marmo” e sembra si consolasse tra le braccia di numerosi uomini proprio nella dimora di Bracciano. La donna, dal temperamento particolarmente focoso, dopo aver incontrato una sola volta i suoi numerosi amanti, li invitava ad entrare in una porta che conduceva in un salottino, dove li assicurava che li avrebbe raggiunti poco dopo. Ma dietro la porta c’era una botola aperta sul pavimento che inghiottiva i malcapitati, facendoli precipitare in un pozzo pieno di calce viva. Alla fine Paolo Giordano, forse per motivi – a quanto pare giustificati – di gelosia, il 15 luglio 1576, arrivò al punto di strangolare con un nastro rosso la nobile consorte, nella villa di Cerreto.

Nel frattempo, il feroce Orsini si era invaghito di Vittoria Accoramboni, giovane e avvenente poetessa, che all’età di 16 anni aveva sposato Francesco Peretti, nipote del futuro papa Sisto V. Il duca provvide fece uccidere il marito di Vittoria e nel 1581 la sposò. Divenuto pontefice di Sisto V, i due “amanti diabolici” si rifugiarono al nord. Paolo Giordano morì il 13 novembre del 1585 a Salò, forse avvelenato, e Vittoria fu uccisa a Venezia la mattina di Natale di quello stesso anno, probabilmente per motivi di eredità.

C’è chi sostiene di sentire ancora, nelle stanze del Castello di Bracciano, la presenza della sventurata Isabella de’ Medici. Qualcuno ne avrebbe visto il fantasma sulle sponde del lago, che cammina sollevando con la mano sinistra il lungo strascico del vestito cinquecentesco.

lInoltre pare che le nozze celebrate nel maniero medievale che fu dei Vico, poi degli Orsini e infine degli Odescalchi, sarebbero prima o poi destinate a naufragare. Una chiacchiera diffusa a Bracciano e dintorni avvalorata da almeno tre o quattro indizi. I casi più famosi sono quelli di Tyrone Power e Linda Christian e di Eros Ramazzotti e Michelle Hunziker, che si sposarono proprio a Bracciano rispettivamente nel 1949 e nel 1998.

Entrambi i matrimoni sono poi sfociati in tumultuosi e costosissimi divorzi. Ma il fatto più clamoroso, sebbene sia stato ignorato dalle cronache, è quello avvenuto nel 1995 e che ha avuto per protagonisti due giovani calabresi che avevano scelto proprio il castello Odescalchi per convolare a nozze.

Nel bel mezzo della cerimonia, tra i promessi sposi scoppiò un battibecco che, nel giro di pochi istanti, si tramutò in una furibonda lite e infine in una scazzottata tra gli ospiti delle due fazioni. Conclusione: il sì non fu mai pronunciato e i due giovani ripartirono per la Calabria ognuno per proprio conto.
Nel 1998, inoltre, John John Kennedy e la moglie Carolyn Besset parteciparono alle nozze di due loro amici nel castello di Bracciano. Il 16 luglio dell’anno successivo, Kennedy e Besset morirono in un incidente aereo e, circa 12 mesi dopo, i loro amici divorziarono.

MANZIANA SET PER UN PUGNO DI DOLLARI

perunpugno.jpg
Sergio Leone ricreò il far west fra i colli di Manziana


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

MARTIGNANO SET DI PINOCCHIO

l-martignano1.jpg

Ricordate la casa della fatina dell’indimenticabile Pinocchio di Comencini? Eccola nella foto a sinistra sulle sponde del Lago di Martignano e a destra come si presenta il lago ai giorni nostri. Per saperne di più cliccate QUI .

 

 

 


Virgin_territory

 

 

 

VIRGIN TERRITORY è una commedia romantica, basata sul Decamerone di Boccaccio, girata anche a Manziana e Bracciano.

Lascia una risposta